Aiuti alle imprese: Ue amplia mappa zone Italia destinatarie, rientra anche parte della Toscana

BRUXELLES – Ok della Commissione europea a una modifica della mappa per gli aiuti a finalità regionale
2022-2027 per l’Italia. In questo modo, potranno ricevere aiuti anche alcune parti di Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto, che vengono definite ‘aree C non predefinite’.
L’importo massimo dell’aiuto per le grandi imprese in queste zone può variare tra il 10% e il 25% dei costi di investimento ammissibili. Tali importi possono essere aumentati di 10 punti percentuali per gli investimenti delle medie imprese e di 20 punti percentuali per gli investimenti delle piccole imprese, per i loro investimenti iniziali con costi ammissibili fino a 50 milioni di euro.
La modifica arriva un anno dopo la decisione di Bruxelles di introdurre una semplificazione per consentire agli Stati di
assegnare facilmente la qualifica ‘area C non predefinita’ alle cosiddette aree di ‘transizione giusta’, che si trovano ad
affrontare particolari difficoltà contingenti – oltre alle ‘aree A’ che sono le più povere con un Pil pro capite che tra il
2016 e il 2018 è stato inferiore al 75% della media Ue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.