Finanziamento a fondo perduto per la diffusione della cultura cinematografica, scadenza il 13 maggio

Un bando del mibc disciplina le modalità di concessione, per l’anno 2022, di contributi per la realizzazione di attività di diffusione della cultura cinematografica svolte dai circoli di cultura cinematografica, dalle associazioni nazionali di cultura cinematografica e dalle sale della comunità.

Soggetti beneficiari

Possono presentare richieste di contributo di cui al presente bando:

a) i circoli di cultura cinematografica che attestino, in forma di autodichiarazione, il possesso dei requisiti indicati nel bando;

b) le associazioni nazionali di cultura cinematografiche, anche di nuova costituzione, che attestino, in forma di autodichiarazione, il possesso dei requisiti riportati nell’avviso pubblico e che siano attive da almeno tre anni;

c) le sale della comunità che attestino, in forma di autodichiarazione, il possesso dei requisiti richiesti dal bando.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili le spese pertinenti e direttamente collegate al progetto, secondo le indicazioni di seguito riportate e le ulteriori specificazioni indicate nella piattaforma:

a) spese relative alla logistica: affitto e allestimento degli spazi, ivi incluse le spese relative alle autorizzazioni ovvero concessioni amministrative, nonché le spese derivanti dall’applicazione dei protocolli sanitari e di sicurezza;

b) spese connesse all’utilizzo delle opere audiovisive protette dal diritto d’autore ovvero da diritti di proprietà intellettuale;

c) spese per l’innovazione tecnologica e la valorizzazione dei luoghi e degli spazi di fruizione;

d) spese relative alla promozione e pubblicità del progetto e delle attività;

e) spese relative al personale direttamente impiegato nella realizzazione del progetto e alle prestazioni d’opera professionali, intellettuali e di supporto, purché e nella misura in cui siano direttamente imputabili al progetto medesimo;

f) spese di missioni e ospitalità, relative alle delegazioni artistiche, giuria, giornalisti, critici, personalità e operatori del settore, direttore artistico o suoi delegati; sono ammissibili esclusivamente le spese strettamente collegate all’iniziativa e autorizzate dal rappresentante legale dell’ente che ne dichiari il diretto collegamento con l’iniziativa sovvenzionata, e che risultino espressamente ratificate da un verbale di delibera e/o da altro atto formale dell’ente medesimo, da trasmettere allegato al consuntivo di spesa;

g) spese generali e di gestione: tali spese sono ammissibili fino ad un limite massimo del 20% del preventivo. Sono inclusi gli interessi relativi a finanziamenti bancari strettamente finalizzati alla realizzazione dell’iniziativa, maturati entro la presentazione del consuntivo e comunque non oltre 90 giorni dalla conclusione del progetto;

h) imposta sul valore aggiunto, se il beneficiario non è soggetto passivo dell’imposta sul valore aggiunto;

i) gli apporti in servizi ed i costi sostenuti da terzi non rientrano nei costi ammissibili.

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse finanziarie disponibili per la concessione dei contributi di cui al presente bando, per l’anno 2022, sono pari ad euro 1.000.000,00.

Tali risorse sono così ripartite:

– 10%, pari a euro 100.000,00 ai circoli di cultura cinematografica;

– 80%, pari a euro 800.000,00 alle associazioni nazionali di cultura cinematografica di cui:

i. il 20%, pari a euro 160.000,00 è assegnato a iniziative realizzate in comune tra due o più associazioni;

ii. il 30%, pari a euro 240.000,00 è assegnato a ciascuna delle associazioni in relazione al numero di circoli ad essa aderenti e attivi alla data di presentazione della domanda di contributo e alla loro distribuzione sul territorio nazionale;

iii. il 50%, pari a euro 400.000,00 è assegnato sulla base delle attività programmate da ciascuna associazione, adottando criteri di proporzionalità e tenendo conto di quanto assegnato in base agli automatismi di cui ai precedenti punti i) e ii);

– 10%, pari a euro 100.000,00 alle sale della comunità.

Per le iniziative di cui al presente bando può essere assegnato un contributo nella misura massima del 80% dei costi ammissibili.

Scadenza

le domande di contributo possono essere inviate fino al 13 maggio 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.