Ucraina: la Nato ammassa in Lettonia migliaia di soldati da Canada, Spagna e Usa

Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in un punto stampa alla base Nato lettone di Adazi, insieme ai premier di Lettonia, Canada e Spagna, Arturs Krisjanis, Justin Trudeau e Pedro Sanchez fa il punto della situazione in Ucraina. “La nostra presenza qui in Lettonia invia un messaggio inconfondibile di unità e determinazione”, ha aggiunto Stoltenberg, accogliendo l’impegno degli alleati, “inclusi Canada, Spagna e Usa”, a schierare “centinaia di truppe in più” ad Adazi. “La guerra del presidente Putin all’Ucraina – ha sottolineato il segretario generale – ha sconvolto la pace in Europa e l’ordine internazionale, e continua ad avere un impatto devastante sul popolo ucraino”, ma “Putin ha seriamente sottovalutato l’Ucraina” e “ha seriamente sottovalutato la forza e l’unità della Nato e dei nostri amici e partner in tutto il mondo”, ha proseguito.

“Abbiamo la responsabilità di garantire che il conflitto non si intensifichi e non si diffonda oltre l’Ucraina, che sarebbe ancora più pericoloso distruttivo e ancora più mortale. La situazione porterebbe a una spirale fuori controllo”. Ha ribadito Stoltenberg. “Per assicurarsi che non ci sia spazio per errori di calcolo a Mosca, la Nato ha rafforzato in modo significativo la presenza nella parte orientale della nostra alleanza”, ha anche segnalato Stoltenberg. “Abbiamo 130 jet in allerta alta, oltre a 200 imbarcazioni nell’estremo nord” e “migliaia di soldati nella regione, incluso il gruppo di battaglia multinazionale della Nato”, ha sottolineato. “Proteggeremo ogni centimetro della Lettonia e proteggeremo ogni centimetro di tutto il territorio alleato”. Ma, nonostante questo spiegamento sospetto di forze, il segretario afferma che la Nato non vuole la guerra con la Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.